il_fullxfull.258648050

5 isole da sogno facilmente raggiungibili dalla Nuova Zelanda

Se dici ‘New Zealand’ il primo pensiero va agli ‘All Blacks’, alle sue pecore (molte pecore), ai simpatici kiwi ed ai Maori. Alcuni faranno fatica a collocarla geograficamente ed altri si lanceranno in un ‘Ah sì, quella regione dell’Australia…’.

Confermiamo che queste due isole sono veramente sperdute nel Pacifico e per molti lontane ore ed ore di viaggio. Ma chi si armerà di coraggio e raggiungerà la terra della lunga nuvola bianca, sarà ricompensato con paesaggi mozzafiato, gente ospitale e pace assoluta.

Una volta qui perché non regalarsi un ‘romantic escape’?

Lo sapete che la Nuova Zelanda è circondata da isole paradisiache dalla sabbia bianca ed acque cristalline?

Vi facilito la scelta della prossima vacanza elencandovi le cinque mete da sogno facilmente raggiungibili dalla terra dei kiwi.

Fiji

Foto-111

Il loro motto è ‘If your problems seem far away that’s because they are’ (Sei i tuoi problemi sembrano lontani è perché lo sono davvero).

Le isole Figi (figiano: Viti; indostano: फ़िजी فِجی), note anche con la grafia Fiji, sono un arcipelago dell’Oceania che formano l’omonimo stato. Ufficialmente denominata Repubblica delle Isole Figi, è una nazione insulare nel sud dell’Oceano Pacifico ad est di Vanuatu, ad ovest di Tonga e a sud di Tuvalu. Il paese occupa un arcipelago di circa 322 isole, di cui 106 sono abitate permanentemente, oltre a 522 isolotti.  (Wikipedia).

La popolazione è composta da figiani indigeni e un melting pot di culture diverse: i discendenti di coloni provenienti dall’India, europei, cinesi, e Pacific Islanders.

Le lingue ufficiali sono il figiano, l’Hindi e l’inglese. Sentirete spesso la parola: bula. E’ un saluto universale, un benvenuto, un caloroso ‘come stai’.

Gli elementi di base del cibo delle Fiji sono le patate dolci, il taro, il riso, la manioca, il cocco ed il pesce. Nel corso degli anni, la pesante influenza della cultura indiana, ha modificato la cucina locale introducendo spezie e sapori piuttosto forti.

Tra i piatti tipici:

Il kokoda, a base di pesce mahi-mahi crudo marinato in una salsa densa di crema di cocco, lime, sale, peperonico e cipolla. La marinatura, come metodo di cottura, è molto diffusa nel Pacifico.

18-kokoda

 

 

 

 

 

 

 

Il lovo, simile all’ hangi neozelandese è un metodo di cottura nella terra. Il cibo viene avvolto in foglie di cocco e posizionato in alcune buche nel terreno dove è stata disposta della brace. E’ molto utilizzato in occasioni speciali come matrimoni o cerimonie religiose

sau-bay-fiji-retreat

Il taro, parente della patata è spesso presente nella cucina fijiana. Bollito, fritto aggiunto agli spiedini di carne. Anche le sue foglie vengono consumate. Condite con crema di cocco, si avvicinano molto al sapore degli spinaci.

3550324591_a59a30582b

Pronti a partire?

Distanza dalla Nuova Zelanda: Auckland-Nadi 2.55 ore

Prezzo medio biglietto: Auckland-Nadi (Andata e ritorno) circa 800$ in totale

Film girati su queste isole: The Blue Lagoon (1980), Return to Blue Lagoon, e Cast Away

2012-02-28_FijiExplo

Vanuatu

Iririki-Vanuatu

Le isole Vanuatu sono state, per oltre 2500 anni, casa dei popoli melanesiani. Nel 15 ° secolo, esploratori e missionari europei cominciarono ad arrivare cambiando definitivamente il loro territorio.

Il capitano James Cook le raggiunse nel 1774.

Queste isole sono state amministrate congiuntamente da Francia e Gran Bretagna per 73 anni. Nel 1980 hanno dichiarato la loro indipendenza con un nuovo nome (da Nuove Ebridi all’attuale Vanuatu) e una nuova costituzione.

Situate direttamente ad ovest delle Figi, le Vanuatu sono famose per la loro bellezza ed i vulcani attivi.

L’arcipelago comprende 13 isole maggiori e circa 70 più piccole. La maggior parte sono montagne (di origine vulcanica) ricoperte di lussureggianti foreste pluviali. Sono, purtroppo, soggette a cicloni devastanti.

La cucina tradizionale è stata fortemente influenzata dalla cultura europea. Una grande quantità di piatti prevede l’utilizzo del frutto dell’albero del pane che viene abbrustolito o fritto.

Il laplap, piatto nazionale, si realizza grattugiando della tapioca in una foglia di banano ed aggiungendo cavolo selvatico e cocco. Viene chiuso e cotto nei tradizionali forni interrati.

 

tumblr_lwnks8hD8Z1qbnflx

Il tuluk, altro piatto della tradizione, è realizzato avvolgendo della carne di maiale sminuzzata in una sfoglia di tapioca. Il tutto disposto in grosse foglie di banano ed interrato per la cottura.

TelukIntan05_620_643_100

Anche il nalot, a base di taro bollito o arrostito, banane e frutto del pane, mescolati ad acqua e cocco grattugiato, fa parte di diritto delle prelibatezze locali.

p10009432

Distanza dalla Nuova Zelanda: Auckland-Port Vila 3.31 ore

Prezzo medio biglietto: Auckland-Port Vila (andata e ritorno) 850$ circa in totale

AirVan_Map

Samoa

toSua

Samoa  è uno stato insulare nell’Oceano Pacifico meridionale. Fa parte della regione del Pacifico conosciuta come Polinesia. La sua popolazione è di circa 185.000, ma molti samoani vivono al di fuori del paese, in particolare in Nuova Zelanda, Australia e California .
Samoa è a circa metà strada tra Hawaii e Nuova Zelanda. Le due isole principali, Upolu e Savaii, sono il risultato di continue eruzioni vulcaniche. I vulcani non sono più attivi ma, con continue scosse sismiche, ricordano agli abitanti la loro presenza. Un devastante tsunami nel 2009 causò ingenti danni e fece registrare numerose vittime.

Dopo la  prima guerra mondiale, e per 42 anni ,la Nuova Zelanda ha occupato ed amministrato le isole. Nel 1962, Samoa divenne la prima nazione polinesiana nel 20° a ristabilire la propria indipendenza.

Come per le altre isole del Pacifico, la cucina si basa su ricette semplici dal sapore esotico. Il cocco ed il taro  sono i due elementi cardine conditi con limone, peperoncino e sale.

Il Lu’au o Palusami è un piatto che prevede la cottura del taro, condito con cipolla e crema di cocco, avvolto nella sua foglia e cotto nei tradizionali forni interrati.

thumb_600

Le banane verdi, cotte quando ancora non hanno raggiunto la maturazione e condite con crema di cocco, a detta di molti, sono veramente un piatto delizioso. La particolarità risiede nel fatto che, se cotte ancora acerbe, il loro sapore è salato.

samoa1

 

 

 

 

 

 

 

Il Fausi è un dessert sempre a base di taro servito con una crema di cocco caramelizzata. E’ uno dei dessert preferiti dai samoani.

R-FAAUSI-02-6228

Distanza dalla Nuova Zelanda: Auckland-Apia 4 ore e 5 minuti

Prezzo medio biglietto: Auckland-Apia (andata e ritorno) 600$ circa in totale

ames-LMAP-md

 

Isole Cook

aitutaki

Queste fantastiche isole (chi non ha mai sentito nominare almeno una volta Rarotonga?!) sono una democrazia parlamentare dotata di autogoverno la cui difesa è gestita dalla Nuova Zelanda. Gli abitanti sono a tutti gli effetti cittadini neozelandesi.

L’arcipelago è costituito da 15 isolette, scoperte dagli spagnoli ma spesso visitate dal capitano James Cook.

La forma a collana e la bellezza selvaggia rendono questo luogo un vero e proprio gioiello nel cuore del Pacifico. Il governo cerca di preservare le isole con leggi atte alla salvaguardia del territorio. Non è fantastico saper che nessuno può costruire palazzi più alti delle vicine palme da cocco?

La moneta locale (il dollaro neozelandese) è un incentivo in più per i turisti americani ed europei.

Oltre alla fantastica Rarotonga, la surreale laguna di Aitutaki vale l’intero viaggio.

Lo scrittore Steve Davey scrisse nel suo libro ‘Unforgettable Places to See Before You Die’: “No artist’s palette could ever conceive of a more perfect, more luminescent turquoise than that of the lagoon of Aitutaki, arguably the most beautiful in the world.”

La maggior parte dei ristoranti ha i propri fornitori di pesce e ciò che è sul menù, rifletterà il pescato del giorno: tonno, mahi mahi (pesce delfino) e pesci pappagallo tra i più apprezzati. Un’altra specialità locale  è sicuramente il polpo al curry ed i frutti di mare. Oltre al pesce fresco, da provare, sono  i frutti tropicali (ananas, papaya, banane…).

Il rukau è simile al Palusami samoano. Le foglie più tenere del taro vengono cotte e condite con una densa crema di cocco.

images

L’ika mata è un pesce crudo marinato in una salsa di cocco.

Unknown

Ad alcuni, le isole Cook, ricordano le Hawaii del passato, prima dei grandi Hotel e del turismo di massa. Da qui l’appellativo di ‘Hawaii down under’.

Distanza dalla Nuova Zelanda: Auckland-Rarotonga 3 ore e 55 minuti

Prezzo medio biglietto: Auckland-Rarotonga (andata e ritorno) 700$ circa in totale

1

Tonga

Tonga-1

Il South Pacific è uno degli ultimi posti al mondo veramente incontaminato. Le 176 isole dell’arcipelago di Tonga sono conosciute per le spiagge incontaminate, gli splendidi atolli corallini, i vulcani attivi e le foreste pluviali lussureggianti. L’abbondanza di vita marina, isole deserte, parchi nazionali, grotte, borghi autentici, montagne imponenti, rende questo angolo di oceano, un vero e proprio paradiso.

Più di 1000 anni fa, i governanti di Tonga crearono un sistema gerarchico di monarchia molto simile a quello delle dinastie europee. La struttura comprendeva il popolo, i nobili ed i reali con titoli tramandati di generazione in generazione. Ancora oggi, la monarchia di Tonga, rimane un’entità influente e potente nel regno moderno.

La società  è guidata da quattro valori fondamentali i quali concorrono a garantire un caloroso benvenuto ai visitatori (non a caso, lo Stato di Tonga è detto anche “Isole degli Amici”, per via del carattere cordiale degli abitanti all’arrivo dei primi esploratori). Fefaka’apa’apa’aki è il rispetto reciproco, Feveitokai’aki  la condivisione, la cooperazione ed il rispetto degli obblighi reciproci, Lototoo, l’umiltà e la generosità ed infine  Tauhi vaha’a, la lealtà e l’impegno.

Per la sua posizione subito ad Ovest rispetto alla linea del cambio di data, il Tonga Visitors Bureau utilizza come slogan la frase: ‘dove il tempo inizia’

La dieta tradizionale si basa, principalmente sull’utilizzo del taro, patate, banane, noci di cocco e, naturalmente, di frutti di mare. Con l’arrivo dei popoli occidentali, sono stati introdotti nella cucina locale, alcuni prodotti come arance, limoni ed anguria. I Tongani hanno iniziato ad adottare cipolle, cavoli, carote e pomodori nella loro cucina, fino all’aggiunta della zucca in tempi recenti. .

Per quanto riguarda i prodotti del mare, polpo, trota corallina ed aragoste, compaiono in tutti i menù. Vengono pescati e consumati in giornata.

topai sono palline di pasta cotte in acqua bollente e servite con sciroppo e latte di cocco.

k28

Il lu è il pasto delle occasioni speciali. Si tratta di carne tritata e condita con latte di cocco e avvolta in foglie di taro e di nuovo in foglie di banano e poi cotta negli umu (i forni tradizionali). Ci sono molte varietà di Lú, il Lú pulu a base di carne di manzo,il Lú spii a base di agnello, il Lú moa  a base di pollo ed il Lú ho’osi a base di carne di cavallo.

627672301_31e040db10

L’‘Ota’ ila, (‘Ota=crudo e ‘ika=pesce)è un piatto della tradizione a base di pesce  marinato in succo di agrumi e latte di cocco servito con verdure miste. (Può essere utilizzata una vasta gamma di frutti di mare come cozze, gamberi, granchi, aragoste, polpi o calamari, ricci di mare, anguilla).

ZmUfHQ0cHAqyma7syH92

Distanza dalla Nuova Zelanda: Auckland-Nuku-Alofa 3 ore e 25 minuti

Prezzo medio biglietto: Auckland-Nuku-Alofa (andata e ritorno) 1000$ circa in totale

Pacific-Ocean-Map

Be Sociable, Share!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *